claudio pedrazzini - castelli-fantasmi-leggende

Vai ai contenuti
"I fantasmi" Claudio Pedrazzini
I fantasmi siamo noi perché li vede, o, quantomeno, li percepisce soltanto chi crede o vuole credere in essi, vuoi perché schiacciato da realtà tanto pesanti da reggere che l’eterea figura bianca sembra aiutare nell’improba fatica, vuoi perché, volutamente, noi tutti, sia pure in misura e circostanze diverse, abiuriamo al nostro dovere di ragionare e crediamo, volutamente, a tali assurdità, ben consci tuttavia di come esse siano tali.
Così se pensiamo a un antico maniero ci viene quasi spontaneo immaginare la voce di una donna, triste o allegra che possa essere o, se siamo donne, la voce di un uomo sistematicamente imperiosa, in entrambi i casi supportate da una sorta di presenza di aspetto lattiginoso e continuamente cangiante nelle forme. Guardando la Rocca di Gradara la sera, magari da Gabicce Monte, quando il cielo diventa scuro e tremano le prime stelle, non si può non pensare ai fantasmi di Paolo e Francesca che, sicuramente, la
abitano da ottocento anni; da quando Dante, Padre di noi Italiani tutti, narrò nella Commedia quella tragica vicenda, illustri commediografi e musicisti furono ispirati da essa.
Da essa o dai fantasmi dei suoi protagonisti?
La risposta al quesito è celata, come nelle scatole cinesi, in un altro quesito: dipende da quanto essi credettero all’esistenza dei fantasmi. o voglio credere in essa, profondamente, tanto che mi capita di sollecitarne la presenza specialmente ora che sono tanto avanti negli anni; mi sembra così di avere ancora un punto di riferimento fisico con i miei Genitori, tantissimi cari parenti quali nonni, zii, cugini, altrettanti cari amici e, non ultime, le adorabili e dolci bestiole che ho tanto amato e dalle quali fui ripagato con il medesimo affetto quali cani, gatti, un cavallo, mille uccelli e pesci.
Talvolta non occorre nemmeno un castello tenebroso per evocarli; basta il rimpianto, la solitudine e il silenzio del proprio studio…

Brescia, 7 maggio 2020 - Claudio Pedrazzini
sito ufficiale del progetto castelli, fantasmi, leggende da un'idea di salvatore attanasio
copyright © 2020, divieto assoluto di riprodurre anche parzialmente testi o immagini contenuti nel sito
Torna ai contenuti